Aspetti cognitivi e motori? Sempre più interconnessi